Scarichi canzoni illegalmente? 1.366.000 euro di multa

318b8764608005385d08c10a7e46c7b4 inserito da Luigi , il 19 giu 2009 | Riservato a: Per Tutti


In USA può diventare davvero caro scaricare illegalmente canzoni. Infatti un tribunale americano ha condannato una donna del Minnesota a pagare un risarcimento di 1,9 milioni di dollari (che tradotti in euro sono circa 1.366.000 euro). La sua colpa? Aver illegalmente scaricato 24 canzoni da Internet (per la cronaca sonodi No Doubt, Sheryl Crow, Gloria Estefan e Linkin Park).

Jammie Thomas Rassett, una madre di quattro figli che lavora per una tribù indiana, rappresenta il primo caso negli Stati uniti per violazione del copyright. La donna è rimasta naturalmente stupita per la sentenza, anche perchè se avesse voluto acquistare le canzoni, le sarebbe costato solo 99 centesimi di dollaro a brano (in tutto 23,76 dollari), e intende ricorrere in appello.

Pertanto il tribunale ha stabilito un risarcimento di circa 80.000 dollari per ogni violazione del copyright. Soddisfatti naturalmente la Record Industry association of America (Riaa), l'associazione dei produttori discografici.

Per la Thomas-Rasset non è la prima volta, visto che era stata condannata a pagare un risarcimento di 220mila dollari alla Riaa in un processo precedente nel 2007, ma il procedimento era stato annullato per un vizio di forma.
 


inserito da Luigi , il Fri, 19/06/2009 - 11:43

1753 letture

-->

0 commenti

Non ci sono ancora commenti. Potresti essere tu il primo a scriverne uno...

Registrati gratis o fai login per essere avvisato via e-mail se qualcuno posta un nuovo commento

Scrivi un commento

Codice di verifica
Digita le parole qui sotto. Questo passaggio serve a prevenire lo Spam.
Registrati gratis per evitare questo passaggio.
 


Login


Top Formazione

Adobe Premiere Pro CS4 - Guida all'uso
Adobe_Premiere_Pro_CS4_Guida_all_uso_398_thumb Risultati professionali grazie a consigli e suggerimenti pratici!

Manuali.net Social

Facebook  Twitter  RSS Feed

Newsletter







Su Facebook!

Manuali.net su Facebook